A cura di Edoardo Licitra

53 studi legali, tra i migliori d’Italia; 7 seminari mirati e ripartiti tra le varie branche del diritto, dal penale all’amministrativo, dal civile al socio-tributario; 6 ore di colloqui per conoscere i migliori professionisti legali del Paese e far colpo su di loro; 1000 studenti partecipanti. Questi i numeri del primo Career Day for Legal, lopen day che ha visto la sede di via Parenzo aperta agli studenti degli ultimi anni di Giurisprudenza ed ai frequentanti dei master LUISS. Grazie ad un’idea proposta dai nostri rappresentanti, l’amministrazione ha portato avanti un progetto articolato e complesso, mettendo a disposizione di noi giuristi in erba, per la prima volta nella storia delluniversità, un’opportunità dincontro con i professionisti dell’arte forense. La giornata del 26 febbraio si è svolta in due fasi: nella prima mattinata i professori dell’Ateneo hanno tenuto sette conferenze parallele, una per profilo (Diritto Amministrativo, Civile, Penale, Internazionale/UE, Tributario e Societario, Diritto del Lavoro, Diritto ed Economia delle Imprese). A fianco dei docenti sono intervenuti ospiti autorevoli: avvocati, notai e magistrati provenienti da tutta la Penisola. Da mezzogiorno a pomeriggio inoltrato (fin oltre le 17.00), le principali aule della sede di via Parenzo sono state allestite con più di cinquanta desk, presso i quali è stato possibile confrontarsi con i professionisti degli studi legali invitati, consegnare curriculum e, addirittura, sostenere colloqui. Inutile dire che le caratteristiche più ricercate negli studenti sono state l’aver effettuato esperienze all’estero e l’aver ottenuto certificazioni linguistiche, skills al perfezionamento delle quali la LUISS dedica particolari premure ed attenzioni. Si è trattato non solo di un evento funzionale all’inserimento nel mondo del lavoro dei nostri colleghi più anziani, ma di una vera e propria occasione formativa, grazie alla quale ciascuno degli studenti partecipanti ha potuto approcciarsi alla redazione di un curriculum vitae, apprendere le capacità necessarie per sostenere un colloquio con un affermato professionista, e comprendere in quale settore vorrà esercitare la propria attività lavorativa futura. Grande la partecipazione e la collaborazione degli studenti anche nell’aspettoorganizzativo: oltre al personale del Career Service, molti ragazzi dei primi anni si sono offerti volontari per curare l’affluenza dei partecipanti, l’accoglienza dei relatori e la gestione dei desk. Questa esperienza conferma ancora una volta che la facoltà di Giurisprudenza costituisce un fiore all’occhiello della LUISS, nella quale l’interfaccia con il mondo del lavoro, il confronto con il futuro e la competizione professionale tra studenti sono i pilastri portanti di una formazione accademica eccellente.