A cura di Eva Lecce –

Da un lato Buda, la parte antica della città, con il suo fascino immutato nei secoli, dall’altro Pest, la parte moderna, ugualmente affascinante e bella: a dividerle un profondo e blu Danubio, sormontato da splendidi ponti che permettono di passare con una piacevole passeggiata da un lato all’altro della città. Questa è Budapest, la città dei palazzi imponenti, dei ponti, delle chiese storiche, dei panorami mozzafiato. Budapest non ha una sola “anima”, ne ha dieci, cento, mille: cambiando prospettiva si può osservare una città diversa dalla precedente. C’è la Budapest storica, quella ricca, quella povera, quella malfamata, quella turistica, quella popolare. È una città che, per quanto piccola, non stanca mai: c’è sempre un angolo da scoprire. La costante di questa città è la civiltà. Strade pulite, cittadini cordiali. C’è stato un episodio durante la mia permanenza a Budapest che mi ha fatto notare la differenza con Roma e con l’Italia in genere. Eravamo appena arrivati al nostro alloggio, in pieno centro, e il taxi si era fermato per strada, creando una fila lunghissima di macchine, ed io mi sono guardata intorno stranita: nessuno suonava il clacson, nessuno urlava dal finestrino, nessuno sbuffava spazientito! In Italia ci sarebbe davvero stata tutta questa gentilezza e comprensione? Ne dubito fortemente. Sarà il bisogno, sarà la natura di questa città, ma a Budapest i turisti vengono trattati da fonte preziosa quale sono. Luoghi e gente non sono ovviamente l’unica attrazione, tra le tante bisogna sicuramente annoverare il cibo. Le pietanze tipiche ungheresi sono deliziose, partendo dal gulash per finire con i dolci, senza dimenticare ovviamente la birra, che viene proposta in qualsiasi variante. Più di ogni altra cosa, però, Budapest è conosciuta per i suoi innumerevoli ed incantevoli bagni termali, accessibili ai più, dove, al chiuso o all’aperto, ci si può rilassare e godere questa città splendida, che rapisce ad ogni sguardo. Visitare la capitale dell’Ungheria è stata una grande esperienza, che ripeterei e che consiglierei a chiunque: Budapest è una città tutta da vivere.