A cura di Giulia Midei-

Se fossi Dio
ti bacerei le guance rosee,
ti mostrerei la dolcezza
di una madre
che accoglie in sé
tutto il tuo dolore.

Se fossi Dio
ti terrei sempre
con me,
perché tu non veda mai
il Male negli occhi.

E ti amerei
come la terra ama
i frutti suoi,
fertile e forte,
cuore spezzato
quando altrui mani
li portan via
dalle braccia sue.

Se fossi Dio
ti regalerei uno specchio
per ricordare a te
e rammentare al mio cuore
tutta la meraviglia
che tu sei.

Se fossi Dio e avessi te
sarei fortunata io.

Non per l’onnipotenza,
non per l’eternità,
ma per perdermi nei tuoi occhi
sapendo di non sbagliare.