Di Lupo Alberto– 

 

1,2,3 Delirando ecco per te.

Conti del governo Conte.

“Non impicchiamoci ai decimali”; no, non è una novella di Bertoldo, quando scelse l’albero dove impiccarsi.

Ad usare tale immagine son stati i due vicepremier, il machiavellico populista Salvini e, dalla Cina con furore, Di-Ma(i)o, ma perché quest’interesse alla matematica? Beh, ci sarebbe una leggina di bilancio da emanare.

Certo, diciamo che tra i Pentastellati e il Carroccio non c’è proprio la stessa idea, per usare un eufemismo, in tema economico, dunque far quadrare i conti al governo Conte è roba da non far dormire il ministro Tria, già più volte punzecchiato dal leader dei grillini (ora nel Paese del Socialismo reale, ex-Celeste impero).

 Se non ci bastassero numeri e cifre, possiamo gioire, o Pitagorici, nel sapere che spuntano nuove cifre che  il costruttore Parnasi (ricordate il #famostostadio???) pare abbia dato ad una Onlus vicina alla Lega, nel 2015,quindi post-Belsito. Nulla è deciso, né giudicato, ma è certamente una bella gatta per i Leghisti.

Tuttavia, sempre tal Parnasi (cognome apollineo), pare abbia anche conferito danaro ad altra associazione vicina al Partito Democratico; forza politica che, dopo mesi di silenzio, torna a far parlare di sé.

 La May non ci sta.

Cosa amo del Regno Unito? Il Pragmatismo.

“Nessun accordo è meglio che un cattivo accordo” ecco ha risposto il Primo Ministro May, dopo che in Europa non si era riusciti a trovare una quadra alla Brexit, soprattutto per i confini tra Ulster e la Repubblica Irlandese.

Nulla è perduto, persino Tusk è parso possibilista, ma ancora una volta Albione ci ha insegnato che non si può metterla in disparte.

Forse che sì, forse che no.

Se si segue la vicenda della candidatura di Milano- Cortina e  Torino per le Olimpiadi invernali del 2026, non solo si rischia, ma si è certi di non capirci più nulla.

Si candidano in 3, poi Torino, onesta e pura, si tira indietro;

 restano Milano e Cortina, con il sostegno di alcuni comuni lombardi e trentini;

 arrivano comunicati del Coni, del Veneto che pregano Torino a partecipare;

il Governo, per bocca del Richelieu leghista, Giorgetti, dice.” O 3 o niente aiuti”, alla fine si esprime il ministro Toninelli che indica Torino come unica sede.

Altro che Slalom Gigante!!!!

LUPO ALBERTO