Di Marco Romolo-

Parlare in Italia di problemi europei non ha mai portato risultati, al massimo voti.

Il Meccanismo europeo di stabilità (MES) è un fondo salva Stati di 700 miliardi previsto in seguito alla crisi del 2008. La sua funzione è evitare il fallimento dei paesi della zona euro in stato di default economico finanziario.

Vi partecipano 17 stati e qualsiasi decisione che riguardi il fondo deve essere approvata da una maggioranza qualificata dei partecipanti, precisamente l’85%. Il voto però non è computato “per testa” ma in base a quanto capitale sottoscritto. l’Italia, con 125 miliardi, ha una percentuale del 17.91% di voto. Di fatto, quindi, esercita un potere di veto su ogni decisione poiché senza il suo consenso non si raggiunge la percentuale richiesta.

La riforma oggetto del dibattito di questi giorni prevede come principale cambiamento che il fondo assuma la funzione di paracadute finale (backstop) del fondo di risoluzione unico delle banche (SRF). In pratica, oltre che salva Stati diventerebbe anche un fondo salva banche. Tale riforma è stata proposta dall’Eurogruppo, cioè dai ministri dell’economia della zona euro ed ora attende di essere ratificata dai parlamenti nazionali.

Ora, il dibattito tra partiti e vari esponenti politici alla quale si è assistito negli ultimi giorni è pura strumentalizzazione. Questo per due ragioni:

La prima di carattere generale; sia che ci si trovi favorevoli o contrari, non essendo un problema prettamente italiano ma, piuttosto, una questione di livello europeo, che può essere modificata o decisa solo a livello europeo, le argomentazioni dei politici italiani espresse in Parlamento nazionale o sui social sono solo campagna elettorale. Viene da sé che se si vuole ottenere un risultato, il dibattito va affrontato in sede europea.

La seconda più specifica; tale riforma è stata approvata in seno all’Eurogruppo mesi fa durante il governo giallo-verde e non successe niente. L’allora ministro dell’economia Tria sostiene ancora la propria posizione favorevole come si evince dall’articolo che egli stesso scrive per il Sole 24 ORE. Viene da chiedersi quindi com’è possibile che per una riforma approvata dal governo giallo-verde in sede europea e confermata in Parlamento su spinta del Partito Democratico, si alzi un polverone tale a livello nazionale che porta finanche allo scoppio di una rissa in aula proprio tra Lega e PD…

https://www.youtube.com/watch?v=OlFjxJULW0s

https://www.youtube.com/watch?v=uhDiRH-DeYI

FONTI:

https://it.wikipedia.org/wiki/Meccanismo_europeo_di_stabilit%C3%A0

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2019/11/23/mes-ecco-cosa-cambia-con-la- riforma-del-salva-stati-_94699117-8369-4640-8d8e-fedc8213987b.html

https://www.ilsole24ore.com/art/mes-la-riforma-non-peggiora-regole-vigore- ACXPfL2