di Lupo Alberto – 

Purtroppo esiste qualcosa più contagioso di questa Rubrica

MonAtto I: L’Italia è un Paese sicuro, siamo pronti all’emergenza. Dicevano. Facciamo i controlli, non ci sfuggirà. Affermavano. Ancora: siamo un Paese serio e vaccinato (volenti o novax); la Corona non ci fa paura, siamo repubblicani; noi semo li mejo furbi der monno, nun ce fa gniente!!!

 Eppure in una cittadina della provincia di Lodi ecco che parte un focolaio di Covid-19, il famigerato “Coronavirus”. Che succede? Dov’è il Virus? Eccolo.

Come è arrivato nella produttiva Valle Padana? Non è chiaro ancora.

 Malelingue ipotizzano che tale contagio possa derivare da un “massaggio lomantico” (trademark: Ruggiero Dei Timidi) fatto da qualche pulzella di provenienza asiatica, ma la Redazione di IurisPrudentes consiglia di confidare solo nella Scienza e non nelle chiacchere di paese o nelle canzoni comico-realistiche.

Comunque il Paese si era appena risvegliato dalle serate di San Remo, pronto a festeggiare il Carnevale e poi a godersi lo scontro tra le sArdinengers contro il capiThanos, ed invece ora il protagonista assoluto è Lui: Coronavirus.

MonAtto II: Appena comparso il Virus subito, dai polverosi capitoli di Tucidide, Lucrezio, Boccaccio e ovviamente Del Manzoni, è riemerso il panico, la psicosi, le fobie, insomma: siamo fuori di noi.

Qualcuno si è dimenticato di essere un homo sapiens, ed ha sfogato la sua paura ricercando ipotetici untori, ossia chiunque avesse lineamenti asiatici. La mamma di sta gente è sempre incinta.

 Inoltre c’è chi, neanche è un mammifero, bensì un serpente velenoso: approfittando delle paure della gente, si traveste da operatore sanitario e truffa i malcapitati. 

 Poi ci sono le normali reazioni: corsa alle farmacie, svuotati i supermercati, strade deserte; forse esagerate, ma non mi sento di biasimare chi lo fa.

Le Autorità hanno sospeso molte attività che potevano portare l’assembramento, ma qui nascono polemiche Cosa? In un momento del genere?!! Riusciamo a litigare per la competenza e sul conflitto tra Stato e Regioni. Tutto ciò ha del grottesco.

Ma mentre noi ci dividiamo, alcuni Stati, anche nell’Unione Europea, sono uniti nel controllare e mettere in quarantena chi proviene dalla regioni in cui ci sono focolai di Virus (o Vairus, se vogliamo seguire il buon Gigino). I Padani, sta volta, sono loro i parìa.

Forse alcuni lombardo-veneti fingeranno accenti centro-meridionali per salvarsi? Non più Spritz ma Nero D’Avola? Non più polenta ma pasta? Arlecchino si traveste da Pulcinella.

MonAtto III: Ed ora?  Mantenere la calma. Difficile, ma dobbiamo farlo: confidando nei dati che indicano una mortalità bassa, nel fatto che nonostante tutte le debolezze e le difficoltà, rimaniamo un Paese che ha una sanità valida e una categoria di professionisti sanitari eccellenti.

In ultimo: Corona di che? I veri intenditori sanno che manco è una birra, figurati se può essere un Virus! Se si chiamasse Tennentsvirus allora sarebbe panico. 

Era una battuta alcolica per disinfettare la tensione.