Francia: il centro-destra sceglie l’Anti-Le Pen

A cura di Alberto Rando

Primarie destra gollista: ballottaggio Fillion-Juppè, Sarkozy fuori dai giochi.

Domenica 20 novembre si è tenuto in Francia il primo turno delle primarie per il centro-destra, e l’affluenza è stata notevole, dato che 4 milioni di Francesi si sono recati alle urne per scegliere il futuro candidato della destra repubblicana gollista alle elezioni presidenziali del 23 aprile 2017. I candidati erano 7, tra cui una donna, Nathalie Kosciusko, Morizet, che ha ottenuto il 2,6% dei consensi.

Al primo turno si è aggiudicato il 44,2% dei voti Francois Fillion, mentre il 28,5% è andato ad Alain Juppè. Saranno loro i due canditati al ballottaggio di domenica 27 novembre. Nicolas Sarkozy, ex presidente, ottiene soltanto il 20,6% dei voti; secondo dichiarazioni, il 62enne dovrebbe uscire dalla vita politica attiva e ora il suo appoggio va a Fillion.

Chi è Fillion? E’ un cattolico, coetaneo di Sarkozy; viene da Le Mans, è amante delle auto da corsa ed anche pilota. E’ padre di 5 figli ed è stato ministro dell’Educazione Superiore nel governo Balladour e poi ministro delle Tecnologie e successivamente delle Telecomunicazioni. Fillion si è spesso espresso contro gli impieghi nel settore pubblico ed è contrario alla maternità surrogata; insomma un convinto conservatore.

Sia il centro-destra che i socialisti cercano di ergere argini contro l’ondata nazionalista ed euroscettica filorussa cavalcata dal Front Nazional di Marie Le Pen, che è, secondo quasi tutti i sondaggi, già al ballottaggio del 7 maggio 2017. Ovviamente rafforzata dalla Brexit e dall’elezione di Trump, la destra nazionalista è ad oggi il primo partito di Francia; diviene probabile un’alleanza socialisti-gollisti per il ballottaggio. 

Ma mentre il centro-destra ha già una iniziato a costruire, i socialisti, il partito del presidente Hollande, sono più che mai divisi, con varie proposte per le primarie del 22 gennaio e il successivo ballottaggio del 29. Infatti per le primarie oltre all’uscente Hollande, molto impopolare, si presentano vari esponenti della sinistra del Partito, il leader ecologista De Rugy e il democratico Bennahmais. Soltanto a fine gennaio si vedrà la risposta dello schieramento di centro-sinistra alla Le Pen ed alla destra gollista.

Non va affatto dimenticato Macron, ex ministro dell’economia di Hollande, che si presenta con un proprio movimento:”En marche!”(in marcia). Rappresenta un ostacolo più che altro per i Socialisti, poiché guadagna simpatie tra moderati di sinistra, pur essendo un movimento che si definisce:” né di destra né di sinistra”. Banchiere, 38 anni, liberale di sinistra, Macron è stato accostato a Blair e persino a Kennedy, forse ancora troppo presto per dirlo, ma emblematico ugualmente.

Quindi la Francia in primavera giocherà una partita importante per il suo futuro ma cruciale per l’incerto futuro dell’Unione Europea.

                                                                                                                       

Facebook Comments Box
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest