Cari studenti internazionali, sono fiera di voi

A cura di Benedetta Cruciani-

Conoscete il Double Degree Luiss? Si tratta dell’opportunità offerta dalla nostra università di conseguire la doppia laurea frequentando un anno di magistrale in Italia e un anno in un Paese a scelta. Per fortuna o per coincidenza, mi sono trovata a vivere in prima persona l’esperienza di vita offerta ai nostri colleghi in Russia.  

Molti pregiudizi mi affollavano la mente riguardo la città di Mosca. Si, quel tipo di stereotipo visto o letto in terza persona, che però fa breccia nel cuore degli uomini e tinge il colore delle loro idee quasi quanto qualsiasi verità sperimentata in prima persona.

Temevo il suo passato sovietico, il clima, il modo di porsi della gente, e in parte si può dire fossero paure fondate, ma la verità è che Mosca è molto più di questo. Con il trilione di luci di cui scintilla ogni notte, è davvero in grado di comunicarti qualcosa, o forse, di farti mettere in discussione.

Più che una città costruita a misura di uomo, sembra edificata per le esigenze di piccoli giganti; ogni singolo elemento è proposto su scale nettamente amplificate rispetto alla consuetudine: dalle strade alle scuole, dai ministeri alle residenze. Questo è il prodotto di un’architettura volta a dimostrare e forse ad esasperare la grandezza di un Paese che si prospettava potesse competere con il gigante occidentale Statunitense. In realtà più che mettere in luce la città, queste caratteristiche invitano a riflettere. La sua maestosità ha il duplice potere di insegnare a coloro che si sentono grandi a tenersi pronti ad inchinarsi di fronte ad una realtà che sarà sempre più forte di loro, mentre coloro che come me, si sentono piccoli, vengono spronati a brillare, brillare come tutte quelle luci che ogni sera splendono sul Cremlino, a tirare fuori il carattere per competere con tenacia.

Così al mio ritorno, questa città mi ha lasciato a riflettere su cosa voglio dalla mia vita, cosa sono pronta a sacrificare per ottenerlo, ma soprattutto su come far emergere quella mia personalità nascosta che il vento siberiano ha riportato alla luce, disperdendo paure, distrazioni, dubbi propri di tutti i periodi di transizione. Ma immagino, da neo ventunenne,  che essere giovani sia una continua corsa per trovare se stessi, e di certo Mosca è la città giusta per farlo. Per questo sono fiera di voi studenti internazionali lì in soggiorno. Avete compiuto la giusta scelta. Sfruttatela al massimo

Facebook Comments Box
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest